banner farmaco
cialis peculiarità

Cialis: quali peculiarità?

Il Cialis è uno dei farmaci più popolari oggi utilizzati come rimedio per la disfunzione erettile. Il principio attivo del farmaco, il tadalafil, agisce in modo tale da stimolare l’erezione del pene, a patto che vi sia però una precedente stimolazione sessuale, in modo analogo a ciò che si verifica per il Viagra. Proprio per questo motivo, è necessario prevedere indicativamente quando avverrà il rapporto sessuale, in modo da poter assumere Cialis in tempo, in dosi da 10 o 20 mg, a seconda delle necessità.

Le peculiarità del Cialis sono legate soprattutto al manifestarsi dei suoi effetti. Infatti, una volta assunto il farmaco, sarà necessario attendere circa un paio d’ore affinché si abbia un risultato soddisfacente. Fortunatamente, si tratta di un effetto piuttosto duraturo, che svanisce in media dopo 36 ore dall’assunzione. Nell’arco delle 36 ore sarà possibile vivere serenamente i propri rapporti sessuali senza preoccuparsi della disfunzione erettile, sempre tenendo in mente che è necessario sia presente uno stimolo sessuale affinché il farmaco abbia effetto. Altra nota positiva di questa pillola è senz’altro la possibilità di assumerlo in qualsiasi momento, purché non si superi una somministrazione al giorno, indipendentemente dai pasti o dal momento della giornata.

L’uso di questo farmaco comporta, come per la maggior parte dei farmaci, alcuni effetti collaterali spiacevoli, ma non gravissimi. Ad esempio, l’assunzione del Cialis potrebbe causare mal di testa, dolori addominali e muscolari in generale, vampate di calore e rossori. Proprio per questo motivo l’assunzione è sconsigliata nel caso di pazienti che abbiano o abbiano avuto in passato problemi di natura cardiovascolare. In ogni caso, è importante leggere con attenzione il foglietto illustrativo del medicinale, in modo da avere una panoramica completa dei suoi possibili effetti collaterali. È inoltre importante ricordare che l’impossibilità di raggiungere un’erezione duratura e performante non deve essere motivo di vergogna, in quanto si tratta di un disturbo che, proprio grazie a questa tipologia di farmaco, è oggi tranquillamente risolvibile o quantomeno arginabile senza incorrere in rischi gravi per la salute.